Pubblico e privato insieme per emergenze sociali

Mercoledì 8 novembre si è tenuto a Roma presso la sede di Confcooperative – Federsolidarietà  il seminario promosso da Social Impact Agenda per l’Italia per presentare il position paper “Modelli di risposta ai nuovi bisogni sociali e possibili scenari di riforma” curato da Giulio Pasi.

Il seminario, rivolto a assessori e dirigenti di comuni e regioni, ha avuto molto successo e ha visto la partecipazione di oltre 35 persone. Il tentativo è quello di insediare un tavolo nazionale di lavoro pubblico-privato che affronti la sfida di un nuovo modello di welfare su scala comunale e regionale in grado di aprirsi alle opportunità che arrivano dal mondo dell’impact investing e della finanza inclusiva.

I lavori sono stati aperti dal Presidente di CGM e Vice-presidente di Social Impact Agenda per l’Italia, Stefano Granata. Al ricercatore esperto della Commissione Europea Gulio Pasi è affidata la relazione centrale della mattinata, sul tema “Come l’impact investing può supportare il processo di cambiamento del welfare italiano”, mentre al direttore dell’IFEL (Istituto per la finanza e l’economia locale), Pierciro Galeone, è affidato l’intervento “Le potenzialità dell’innovazione sociale per la pubblica amministrazione”. A seguire,  gli interventi di amministratori e dirigenti di Comuni e Regioni, con le conclusioni affidate alla presidente di Social Impact Agenda per l’Italia, Giovanna Melandri.