Cerca

Agenda

XV Convention CGM – Direzioni

Saranno tre giorni di lavoro e networking sulle 🔀 DIREZIONI dell’economia sociale.

Speech, workshop e dibattiti sulle grandi transizioni che stiamo attraversando: il futuro del lavoro sociale, la trasformazione digitale, la cultura come determinante di salute e benessere, le sfide della sostenibilità e dell’eco-welfare, la rigenerazione delle città, dei territori e delle loro infrastrutture sociali.

Sfide trasformative per rilanciare in senso plurale un’economia sociale capace di ricomporre il tessuto sociale e istituzionale secondo una nuova direzionalità che richiede al “terzo pilastro” di elaborare nuove alleanze con attori pubblici e privati.

L’Unione Europea chiama i soggetti dell’economia sociale ad uscire dalla marginalitĂ  per assumere un ruolo centrale dello sviluppo economico continentale. Approfondiremo come sia possibile rilanciare un’azione strategica che riporti l’Italia a centro di dibattito europeo a partire da una ‘massa critica’ e differenziata dei cluster di ‘economia sociale e prossimitĂ ’ locali.

L’impresa sociale è sempre piĂą esposta al flusso di big data in grado di generare nuovi contesti tra l’analogico e il digitale, all’interno dei quali è possibile elaborare modelli innovativi di cura, educazione, inclusione. La stessa impresa sociale rappresenta anche lo scrigno di governance per tutelare e gestire i dati come beni comuni. Approfondiremo le nuove direzioni da perseguire per una gestione efficace e sostenibile della nuova disruption tecnologica.

Se domandiamo alle nostre imprese qual è la risorsa che piĂą manca ci viene spesso risposto: “le persone”. Certamente la crisi demografica ci sta presentando il conto, ma non dobbiamo limitarci a questo dato.  Approfondiremo le direzioni su cui agire per una nuova people strategy per le imprese sociali.

Territori e cittĂ  si stanno rimescolando e l’imprenditoria sociale è tutt’altro che estranea a queste dinamiche: definisce nuovi modelli di intervento nelle grandi cittĂ , si reinventa come impresa comunitaria nelle aree interne, ripensa le sue reti dentro “aree vaste”. Approfondiremo le direzioni su cui agire affinchĂ© il territorio continui ad essere l’incubatore e la cornice di senso del nostro agire.

L’economia capitalistica sembra essere arrivata a un punto di saturazione, ma non in termini di crescita economica o del PIL, quanto piuttosto di aumento di felicitĂ . E, anche il Rapporto delle Nazioni Unite chiamato World Happiness Report, ci dice che la felicitĂ  delle persone influisce sul successo del contesto in cui vivono.  Approfondiremo quali sono le direzioni su cui agire dentro le arene politiche per alimentare l’aspirazione a essere felici insieme agli altri.

La Convention è realizzata con il sostegno di Fondosviluppo Spa – Fondo Mutualistico per la promozione e sviluppo cooperativo di Confcooperative

E con il contributo di

Knowledge partner

Eventi recenti