1.

Cooperare èla nostra storia


Abbiamo una lunga tradizione alle spalle, di impegno e dedizione. Ne siamo consapevoli ma sappiamo anche che oggi serve reinventare creativamente quella storia e saperne raccontare altre.

2.

Cooperare èprendere l’iniziativa


Oggi la parola che più ci aiuta a pensare il cambiamento è impresa. Avere una buona idea non basta, bisogna saperle dare forma, aggregare persone, individuare nuove domande del mercato, capire in quale modo interpretare il nostro tempo.

3.

Cooperare èuna forma di libertà


Siamo alla ricerca di nuovi paradigmi. Non possiamo seguire le angustie del puro mercato né riproporre gli stereotipi del vecchio mondo sociale. Oggi servono nuovi linguaggi, persone fuori dagli schemi, giovani pensanti che si mettono in gioco.

4.

Cooperare èprodurre ricchezza


Non ci possiamo limitare a redistribuire ricchezza, mitigare le povertà, intervenire nei campi lasciati scoperti dal welfare pubblico. Dobbiamo sapere generare ricchezza, reddito, sviluppo per i nostri territori. Soprattutto nei contesti più periferici.

5.

Cooperare èdarsi sfide comuni


È in gioco la coesione sociale, sembra scomparso in molti luoghi il desiderio di fare rete e di darsi mete comuni. Eppure il lavoro è sempre iniziativa collettiva, fiducia, scambio tra saperi.

6.

Cooperare èascoltare i bisogni e trasformarli in risorse


Che significa che le persone sono al centro delle nostre cooperative? Significa che per noi il fattore umano è prioritario. Che nel lavoro mettiamo in gioco attitudini, caratteri, competenze e che i nostri utenti sono molto più che destinatari di servizi: sono risorse che fanno parte del gioco.

7.

Cooperare èuno spazio creativo


Le nostre cooperative oggi si occupano di tutto: dalla tecnologia alla manutenzione del verde, dall’assistenza a domicilio alla promozione del lavoro, dall’agricoltura all’arte e allo sviluppo locale. Perché cooperare attiene al metodo e allo stile non al contenuto.

8.

Cooperare èuscire dai recinti


Stiamo nel tempo imparando a sconfinare. Non stare sempre sugli stessi temi, non usare i soliti linguaggi usurati, farci capire da tutti, sperimentare progetti nuovi, dialogare con mondi un tempo lontani.

9.

Cooperare èsaper cambiare


Lungo la strada abbiamo perso alcune cooperative, alcune esperienze sono finite, altre sono nate. Per questo il nostro gruppo è vivo, è mobile, registra le crisi, risponde ai cambiamenti. La rete sostiene le realtà più piccole e ne riceve nuovo impulso.

10.

Cooperare èun'idea di futuro


Il confronto tra esperienze può generare innovazione. È quello che cerchiamo di fare come consorzio: ascoltare, promuovere, sollecitare, liberare energie là dove si producono. Perché lo sviluppo si può costruire solo dal basso, con esperienze radicate. Immaginando insieme il futuro.